E se domani, depositassi al posto tuo?


IL DEPOSITO DI UN ATTO “ENDOPROCESSUALE” A CURA DI UN SOGGETTO NON COSTITUITO

di Avv. Fabio Salomone – Luca Sileni – Pietro Calorio

Computer-Work-Mac_1957_1280_dCapita molto spesso di dover aiutare un collega ad effettuare un deposito di un atto, spesso in scadenza termini.

Cosa accade se il deposito viene fatto da una PEC diversa da quella dell’intestatario della busta? In buona sostanza, posso io depositare con la mia PEC, al posto di un collega, il file “Atto.enc” in un fascicolo telematico?

La risposta è affermativa.

Ciò potrebbe rendere la vita molto più semplice a molti colleghi che possono “delegare” l’attività del deposito anche a soggetti terzi (purché l’indirizzo PEC di questi ultimi sia censito nel Registro Generale degli Indirizzi Elettronici – c.d. ReGIndE).

Ripercorriamo i vari “step” formali.

La Direzione Generale del Ministero, a seguito dell’emanazione delle Specifiche Tecniche (Provvedimento DGSIA 16/4/2014), ha pubblicato una nuova versione dei c.d. “schemi XSD” contenenti, fra l’altro, alcune nuove funzionalità di accettazione degli atti depositati telematicamente nel contesto del sistema SICID[1].

Nel documento della DGSIA[2] viene dato atto di quanto segue: “i meccanismi attualmente presenti impongono una relazione tra l’indirizzo di PEC del mittente e il firmatario dell’atto depositato telematicamente. Tali meccanismi di controllo saranno modificati in modo da slegare il mittente del deposito dai firmatari presenti nell’atto principale. Verrà pertanto consentito a un firmatario dell’atto di utilizzare un indirizzo di PEC del ReGIndE associato anche ad altri soggetti (è il caso tipico di avvocati appartenenti a uno stesso studio legale che condividono un uguale indirizzo PEC comunicato sul ReGIndE).”

I sistemi risultano aggiornati in tal senso a partire dal giugno 2014[3].

Vediamo nel dettaglio cosa è stato fatto.

Abbiamo simulato un deposito di una memoria 183 c.p.c. predisponendo un file PDF testuale, firmato digitalmente dal titolare del fascicolo telematico (creato ad hoc sul Tribunale di test di “Model Office”); abbiamo altresì seguito analogo procedimento per un atto endoprocessuale di esecuzione (un’istanza di vendita mobiliare), per verificare che la modifica fosse operativa anche per i depositi SIECIC

Il file “Atto.enc” è stato poi inviato ad un collega (non associato al fascicolo) a mezzo posta elettronica, affinché effettuasse il deposito vero e proprio dalla propria PEC.

Per testare un’ulteriore possibilità del sistema, il collega mittente ha modificato il nome del file “atto.enc”[4].

Così si presenta la ricevuta di consegna del messaggio PEC inviato:

Deposito-1

 

L’esito dei controlli automatici è stato, come si può notare, del tutto positivo, con l’accettazione del deposito (Codice 1 – Descrizione esito: controlli terminati con successo. Busta in attesta di accettazione).

Deposito-2

 

Il deposito, lato Cancelleria, è risultato privo di “allarmi”, confermando con ciò la piena fattibilità del deposito operato da soggetto diverso dal titolare del fascicolo telematico; come si vede dagli “eventi busta”, inoltre, il mittente è diverso dal firmatario dell’atto (codice evento “BUSTA:MITTENTE).

Deposito-3

 

La maschera di “intervento manuale” raffigurata di seguito mostra i dati del deposito, e (lo si ribadisce) nessun errore formale.

Deposito-4
Il sistema ModelOffice, pur essendo un Tribunale virtuale, funziona esattamente come quello reale, con controlli del tutto simili a quelli operati dalla Cancelleria ordinaria (correttezza dei formati utilizzati, completezza formale e congruità logica delle informazioni e degli atti inviati, integrità informatica della busta elettronica, correttezza nella modalità informatica di invio, ecc..), ESCLUSI tutti quelli che presuppongono verifiche sui Registri di Cancelleria. Questo rende del tutto attendibile l’esperimento realizzato e qui descritto.Sostanzialmente, la DGSIA ha così dato attuazione, anche nel PCT, del principio sancito dalla Corte di Cassazione a Sezioni Unite con la sentenza 4 marzo 2009 n. 5160[5], nella quale veniva affermato il seguente principio di diritto: “L’attività materiale di deposito degli atti in cancelleria, che è priva di un requisito volitivo autonomo, non deve essere compiuta necessariamente dal difensore o dalla parte che sta in giudizio personalmente, ma può essere realizzata anche da persona da loro incaricata.”

Disclaimer: la presente procedura, pur non avendo segnalato errori sul Tribunale virtuale Model Office, non ha caratteristiche di attendibilità e di certezza nel tempo, in quanto le procedure del deposito possono essere soggette a verifiche/modifiche da parte del Ministero. Non ci si assume alcuna responsabilità in ordine al mancato perfezionamento del deposito utilizzando la descritta procedura, che si dichiara effettuata a mero scopo dimostrativo e sperimentale.

 

 


 

[1]             Notizia del 6/5/2014 pubblicata su http://pst.giustizia.it/PST/it/pst_3_1.wp?previousPage=pst_3_1&contentId=NEW1159.

[2]             http://pst.giustizia.it/PST/resources/cms/documents/Descrizione_XSD_0414.pdf, punto “b) GESTIONE DEL FIRMATARIO DEGLI ATTI DEPOSITATI”.

[3]              Dal giorno 03/06/2014, ad eccezione del distretto giudiziario di Milano (anticipato al 19/05/2014); notizia completa su http://pst.giustizia.it/PST/it/pst_3_1.wp?previousPage=pst_3&contentId=NEW1163

[4]              Vedi l’all. 6 al Provv. DGSIA 16/4/2014: http://pst.giustizia.it/PST/resources/cms/documents/specifiche_tecniche_provv_16042014_all_6.pdf

[5]              Pubblicata ad es. in http://www.altalex.com/index.php?idnot=45478&idstr=20. Il caso della sentenza era quello di una comparsa di costituzione in un giudizio ordinario dinanzi ad un Giudice di Pace trasmessa alla cancelleria a mezzo posta.


Informazioni su Fabio Salomone

Nato a Pisticci nel 1967, appassionato di computer e nuove tecnologie. Avvocato civilista ed esperto in Processo Civile Telematico è socio fondatore del CSPT Centro Studi Processo Telematico. Sposato con tre figli, divide la sua vita tra la professione forense, lo studio del Processo Telematico e la famiglia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *